Twitter
LinkedIn
Google+
YouTube
Facebook
Daniele Assereto
Daniele
Assereto


 
7 Gennaio 2002
PAROLE

Un vegetale
con il cervello spento.

Una pianta
con le foglie morte
dal freddo del tempo.

Un uomo
con l’animo sporco
dalle sue convinzioni
credute affidabili,
ma invano.

Un uomo sicuro
delle sue incertezze
che gli gonfiano il petto,
gli spezzano il fiato,
gli tagliano le gambe.

Un uomo solo
come sempre
è stato finora.

Cosa potranno mai avere
in comune
un vegetale, una pianta
e quest’uomo?

Parole scritte dalla mano di un dio
su quel foglio di carta
che è la vita.

[Commento lasciato da A.L.F. il 22 Giugno 2005]
Per farci cosa? Non sta neanche bene sopra il caminetto..

Share/Save/Bookmark




Lascia un commento:
Nome:  Per favore, scrivi i caratteri 3, 2, 1 del codice a79W
Email/web:  [facoltativo] Codice: 
Commento: 


ULTIMI COMMENTI

05/08: My BEST 10 ALBUMS
05/08: My BEST 10 ALBUMS
13/07: Ipse dixit
13/07: Cipolla
13/07: Ezio e le Scorie Lese
13/07: Cipolla
13/07: Cipolla
24/01: Cipolla
24/01: Cipolla
30/05: Ciambelle
30/05: Ciambelle
14/03: Ipse dixit
19/01: Steganografia Metallorum
03/01: Professioni
03/01: Professioni
27/11: PENDULUM
24/11: Professioni
19/07: Nevermore
19/07: Nevermore
30/12: Math

DOWNLOAD ZIP

Antro del Fato: 1, 2, 3, 4
Control Denied: 1, 2, 3, 4, 5, 6, 7, 8, 9, 10
Control Denied 2: 1, 2, 3
Imagine 7D: 1, 2, 3, 4
Le sole 24 Ore: 1
Lupus: 1