Twitter
LinkedIn
Google+
YouTube
Facebook
Daniele Assereto
Daniele
Assereto


 
10 Marzo 2000
HAGGARD - AWAKING THE CENTURIES

Il Gatto Fenriz miagolò di piacere. Era felice che esistessero gruppi come gli Haggard.
Giunti al loro secondo album dopo "And Thou Shalt Trust The Seer", questo gruppo di Monaco vantava ben 20 musicisti tenuti assieme dall'anima di Asis Nasseri, chitarrista e cantante (growl) degli Haggard.
Era proprio la presenza di strumenti vari quali arpa, viola, violoncello, clarinetto, oboe, corno francese e numerosi altri, colmati da voci di tenori e soprani, a rendere la musica qualcosa di veramente unico.
Immaginate di trovarvi all'opera ad ascoltare un autore che più piace a voi, e d'improvviso la musica cambia, si evolve, e spuntano chitarre e doppia cassa. Non una pacchianata power, intendiamoci, perché non era di questo che si trattava. In un certo senso erano la versione colta dei Therion con la differenza che, dove il gruppo di Christofer Johnsson stancava e risultava noioso e ripetitivo, gli Haggard riuscivano a convincere pienamente.
Un mix geniale di metal e musica classica, suonata da veri (e validissimi) strumentisti e senza sintetizzatori. E forse era proprio qui che cadeva l'asino.
Si perché le composizioni erano così curate e ricercate che, alla fine, il Gatto Fenriz non poteva non chiedersi se la chitarre non stonassero un po' con il resto degli strumenti, e la batteria non fosse inutile sopra le percussioni. Ma era un altro il lato negativo. La voce, stupenda nelle parti classiche, degenerava ogni tanto in un cantato growl che lo convinceva poco e rischiava di rovinare artisticamente quanto costruito prima.
Era un limite marginale, ma perché non rimediare anche a quello? Perché non affidare tutta la parte vocale ai tenori e ai soprani? Sicuramente l'opera finale ne avrebbe guadagnato.
Conscio di tutto questo, il Gatto Fenriz non poteva comunque non apprezzare il disco in se stesso, il concept su Nostradamus e sulla peste, le parti vocali in inglese, tedesco, francese e latino, e sperare fiducioso nel prossimo disco.
Gli Haggard erano un grande gruppo, anomalo semplice allo stesso tempo, e valeva la pena di conoscerli. Sul serio.

[Commento lasciato da Pazuzu il 5 Aprile 2004]
Ehi, ma il 5 luglio a Genova suonano i Corrs!
Maggiori informazioni sul sito ufficiale!
Imperdibili... chi viene con me?

Share/Save/Bookmark




Lascia un commento:
Nome:  Per favore, scrivi i caratteri 3, 4, 2 del codice QRec
Email/web:  [facoltativo] Codice: 
Commento: 


ULTIMI COMMENTI

05/08: My BEST 10 ALBUMS
05/08: My BEST 10 ALBUMS
13/07: Ipse dixit
13/07: Cipolla
13/07: Ezio e le Scorie Lese
13/07: Cipolla
13/07: Cipolla
24/01: Cipolla
24/01: Cipolla
30/05: Ciambelle
30/05: Ciambelle
14/03: Ipse dixit
19/01: Steganografia Metallorum
03/01: Professioni
03/01: Professioni
27/11: PENDULUM
24/11: Professioni
19/07: Nevermore
19/07: Nevermore
30/12: Math

DOWNLOAD ZIP

Antro del Fato: 1, 2, 3, 4
Control Denied: 1, 2, 3, 4, 5, 6, 7, 8, 9, 10
Control Denied 2: 1, 2, 3
Imagine 7D: 1, 2, 3, 4
Le sole 24 Ore: 1
Lupus: 1