Twitter
LinkedIn
Google+
YouTube
Facebook
Daniele Assereto
Daniele
Assereto


 
Agosto 2009

31 agosto 2009
L'OCCHIO

Mordi, Erode. Morditi il labbro ormai ebbro di rudi ordini, e giaci in silenzio. Ti piace ribadire d'ora in ora quella dura sentenza di rara arroganza, ti piace ridire ancora e ancora a quali orrende febbri hai condannato orde di padri e madri, tu che ti credi furbo ma godi soltanto di una rara sorte di lebbra dorata, ereditata dal maglio di un fabbro in giorni di danza che furono migliori.

Quante generazioni imperfette credi di aver trascinato nell'oblio? Quante dannazioni perfette ti giungono all'orecchio, di sera, quando finalmente crolli sotto il peso delle fatiche del giorno? Tante, troppe, forse una. Ma è sufficiente a deriderti e canzonarti, e a farti sentire come se centinaia di radi fili d'erba ti stessero schiacchiando sotto il loro peso inesistente, ma pressante come una colpa indelebile, come un crimine macchiato di punteggiatura inesistente. Gli anziani ti hanno ordinato, e tu hai eseguito: a morte la gioventù, a morte la speranza, a morte ogni fiato che non abbia ancora raggiunto la giusta età. L'età ritenuta santa, mantenuta lenta, contenuta d'onta. E tutto questo, per cosa? Per sostenere l'illusione, la speranza di una continua consistenza che oramai non esiste più, designata all'ignoto come sono destinati a cadere i quadri che ti osservano dalle pareti delle tue stanze, quando dormi, quando la tua coscienza perde conoscenza, quando finalmente giaci in silenzio. Cadranno come crollano le mille lacrime di pioggia da quella luna di cenere e tenere valli lontane, quella luna che ancora ti osserva e che innalza le amare maree quando meglio le aggrada, quando il parco Plutone supera l'orizzonte dell'immanente, quando anche le forti formiche si fermano infine per riposare.
E cosa resta del giorno? Cosa resta di tutte quelle corse all'ultimo minuto, per sollevare la polvere da quelle tavole malamente imbandite che non riescono neanche a sfamare un banchetto di convitati? Niente, se non il ricordo di una frase, il ricordo di una parola di troppo, il ricordo di un ordine perentorio che accompagnerà la tua anima fino al prossimo risveglio, Erode. Niente, se non il rimpianto di aver tarpato le ali a quelle pupille che nulla chiedevano se non di continuare a sbattere, ad aprirsi e a chiudersi, per sempre: fino al sorgere di un nuovo giorno, fino a che una lama non strapperà via il suo cuore e riderà, riderà, riderà ancora, riderà sempre più forte. Niente sarà come prima, tutto è stato mutato e mutilato dalla tua voce, dalla tua gola, dal tuo diaframma autoritario e sicuro.

Mordi, Erode. Morditi il labbro e ricorda quell'occhio che ti priverà del sonno, molto più di cento quadri appesi tutto intorno alla tue stanze, molto più di un mare di steli che fragili tendono il corpo verso la luce eterna. Bruciali vivi, rendili esangui, ma non potrai mai fermare la parola che continuerà a volare sulle ali della cenere, sotto il tenue fiato delle stelle, fino a quella luna lontana che ti si avvicina ogni giorno di più, come una promessa irrisolta. Come una condanna da adempiere, finalmente.

Tra tante iridi aride, alla tua che ancora arde e ride.

Commenti (2)



30 agosto 2009
TRAMONTO

1459

Tutto inventato, eh, sia chiaro. Eh.

Commenti (0)



29 agosto 2009
ROTTA PER...

1458

Orientamento innato. Sissignore.

Commenti (0)



23 agosto 2009
ABSOLUTE POETRY

1457

Dedicato a 55.




Commenti (0)



11 agosto 2009
GOFFO [REPRISE]

12 giugno 2006.
Le statistiche dicono che il 30% degli incidenti individuali succedono in bagno, ed il 20% sul luogo di lavoro. A scivolare nei cessi in Siemens, praticamente, scopro di essere un vero "numero". Ho ancora il culo dolorante per la caduta: le piastrelle sono dure, anche quando si cerca di fermare la caduta aggrappandosi scompostamente al lavandino... Insomma. Sono scivolato nel cesso di Siemens. Ho preso una culata, facendo "SGUISH". Mi sono salvato appoggiandomi scompostamente al lavandino. Ci pioveva dentro, c'era bagnaticcio, e sono scivolato. Punto.

22 dicembre 2006.
Torno verso casa dopo Inferno, sono circa le due di notte. Sono appena uscito dal casello autostradale di Rapallo, e mi sto inerpicando su per l'angusta strada campestre di casa. Tutto intorno, tira un vento fortissimo che mi costringe ad andare piano. Veramente piano. A cinquecento metri da casa mia, un ulivo in mezzo alla strada. Il tronco spezzato, e l'albero che taglia esattamente a metà il manto stradale. Prima bestemmia.
Scendo e comincio a spingere, tirare, facendo leva su tutti i rami che mi sembrano migliori. Inciampo, tiro, incespico, tiro, spingo, "spostati maledetto!" STUMP STUMP, anf anf anf. Prendo due facciate per terra. Le imprecazioni si sprecano. Tiro, spingo, anf anf, "cristo!", scivolo e la sciarpa mi si incastra in un ramo che quasi mi impicco. Bestemmio.
Spingo spingo spingo, scivolo ancora e cerco di aggrapparmi scompostamente ai rami dell'ulivo che prontamente decidono di rompersi. Mi alzo, "porco il tuo!", spingo, tiro, scivolo, anf anf ANF ANF, spingo, tiro, tiro "ahiaaaaaAAAA!", bestemmio. I rami non collaborano affatto.
Dopo mezz'ora di tentativi riesco finalmente a spostare il tronco quel tanto che basta per passarvi con la macchina. In tutto il tempo, dal finestrino abbassato uscivano note natalizie che accompagnavano le mie imprecazioni notturne.

2 maggio 2008.
A pranzo decido di farmi un paio di toast utilizzando il tostapane. Dentro ci metto sottilette e fettine di prosciutto. Le faccio bollenti. Ma proprio bollenti. Prendo il primo toast e inizio a mangiare. Al secondo morso, una bolla di formaggio fuso e incandescente fuoriesce dal toast e va a finire direttamente sul mio labbro inferiore. URLO. Ritrovo tutta la mia religiosità perduta, in quel momento.
Decido quindi di finire primo toast, facendo bocconi piccoli piccoli per evitare altro formaggio fuso. Prendo il secondo toast, ci tiro tre morsi. Al quarto, urlo di nuovo. Il formaggio FUSO è decisamente subdolo.

10 agosto 2009.
Sto dormendo a pelle d'orso, sdraiato nudo sul letto per combattere l'afa padana. D'un tratto, tuoni e lampi mi destano per farmi notare che sta iniziando a grandinare, e mi ricordo immediatamente che ho lasciato la finestra aperta, in cucina, per far entrare un po' di fresco notturno. Senza accendere la luce [e senza mettere le ciabatte] mi dirigo a chiudere la finestra prima che inizi a piovere in casa. Ma è già troppo tardi: a due metri dall'agognato traguardo, i miei piedi scivolano su di una pozzanghera traditrice già formatasi, e cado rovinosamente per terra urtando con le braccia in tutte le direzioni possibili, proseguendo poi la scivolata fino a fermarmi contro la parete. Dolori ovunque, e grandine sulla faccia. Riesco a sollevarmi a fatica e a chiudere il diluvio fuori, e torno barcollando a letto: la posizione a pelle d'orso, oramai, è l'unica che non mi faccia sentire dolore per la fortunata [leggi: di culo] caduta notturna.

Commenti (0)



1 agosto 2009
ZERO FESTIVAL

Slogan. I festival estivi sono piacevoli. I festival estivi sono belli. I festival estivi sono vari. Piacevoli perche' quando finiscono ti ritrovi con la voglia pazzesca che continuino ancora per almeno un giorno o due. Belli perche' sono belli. Vari perche' le location in cui si svolgono sono sempre differenti, e ciascuna ha il suo particolare fascino.
Questa volta e' il turno del Parco Tigullio di Lavagna, e dello Zero Festival organizzato dai ragazzi di Binario Zero. Ci siamo persi la prima serata [ok, era di giovedi', abbiamo le nostre motivazioni], ma stasera e domani saremo per voi sotto il palco, a commentare e raccontare minuto per minuto [piu' o meno, eh] tutto quello che succedera'.

VENERDI' 31 LUGLIO
Ore 20:15. La serata inizia con la chitarra acustica dei Threefingersguitar, accompagnata da una chitarra elettrica che regala spessore alla proposta sognante e intima. Le linee melodiche dei due strumenti si intrecciano sapientemente e su accenni di basi campionate. Atmosfere rilassate e che invogliano i presenti a consumare l'ottima cena [consigliamo i testaroli, chiedete a chiunque] mentre la musica prosegue e si respira ancora una pacatezza soffusa e accompagnata da un frinire di cicale ininterrotto.
Ore 20:54. Continuiamo con le sonorita' post-rock e trasognate dei June Miller, mentre la gente comincia ad arrivare e a lasciarsi coinvolgere dalle atmosfere oniriche del gruppo. Chitarre che tracciano linee spaziali che vanno ad unirsi nelle sfere dell'inconsistenza soffusa e vagamente palpabile, mentre la batteria cresce poco per volta e va a creare linee ritmiche ricercate e per niente banali. Canzoni dall'ampio respiro, con una voce sussurrata e struggente che sfuma via nell'impasto sonoro che sta abbracciando il parco.

Ore 21:50. En Roco: pop-rock melodico e cantautoriale, con testi armonici e sonoricamente appaganti. La gente inizia ad assieparsi sotto il palco, per ascoltare un gruppo che e' giallo. Giallo come la birra che continua a scivolare nelle gole dei presenti, giallo come le magliette dello Zero Festival, giallo come i volantini che stanno andando a ruba dal banchetto. Il giallo e' definitivamente il colore dell'estate, e quest'estate e' scaldata magnificamente dagli En Roco, che proseguono a presentare le loro orecchiabilissime canzoni, che sarebbero quasi proponibili per una kermesse a San Remo, ma piu' intimi e indipendenti nella loro proposta. Precise le canzoni, con linee di chitarra che non cedono nemmeno di un millimetro il passare dei secondi, mentre il giallo continua a regnare sovrano.

Ore 23:11. Cambi di tempo ansiogeni e irregolari presentano la proposta dei Three in One Gentleman Suite, un indie post-qualcosa che viene trascinato da parti di basso che sono impossibili da riassumere in sillabe che vengono oramai assogettate dal vento che soffia parco in questa serata di piena estate. La musica prosegue e si rincorre da sola, caparbia e incurante delle ombre notturne. Basso, basso, basso. Piu' basso per tutti [se poi fosse anche giallo, sarebbe il non plus ultra].Ritmiche sincopate e canzoni dalla struttura arcaicamente pentafonica, su una voce che decanta il malessere interiore ed esteriore. Note che si intrecciano abilmente [e sono giunte fin qui da Ferrara, per farlo] e sembrano non conoscere la parola fine. Una pausa ha intramezzato la loro esibizione, e mentre i presenti pensano a Burzum che pare essere uscito di galera, i Three In One Gentleman Suite continuano impreterriti nella loro martellante [e quasi fuori dal tempo] presentazione sonora.

SABATO 1 AGOSTO

Oggi raggiungiamo Parco Tigullio con un po' di anticipo, e assistiamo ai soundcheck dei vari gruppi, che si alternano tra il palco e la spiaggia poco distante. L'atmosfera e' rilassatissima e ci uniamo ai ragazzi di Binario Zero in questi momenti di pace prima dell'inizio dei concerti.

Ore 20:26. Il primo gruppo a presentare le proprie musiche sono i Rice On The Record, trio indie leggero e melodico, che accusa qualche sfocatura vocale, ma nel complesso risulta efficace come esordio so[n]noro di questa ultima serata del festival. Chitarra acustica ed effetti in sottofondo che tessono trame dai vaghi sapori dimenticati. E lenti.
Ore 21:20. Soffici note di tastiera creano sospiri di relax, ed e' il turno degli Antigone, gruppo capitanato da una voce femminile che ben si incastra nel loro rock con influenze cantautoriali. Un flauto traverso impreziosisce le canzoni che si susseguono pacate ma ricche negli arrangiamenti, nonostante qualche problema tecnico che opacizza un poco l'esibizione ovattando i suoni.
Ore 22:28. Urla graffianti e una sezione ritmica tiratissima: questo sono i Fine Before You Came di Milano. Il pubblico assiepato sotto il palco, in una piazza oramai piena, sembra apprezzare in pieno il sound elettrico che questi cinque ragazzi propongono. L'esperienza si vede, e lo show proposto concede poche pause di riposo tra una canzone e l'altra: le linee di basso riescono ad adagiarsi perfettamente sulle distorsioni che caratterizzano un sound pieno ma forse poco graffiante [lo screaming del cantante e' pressante ma i momenti migliori si respirano quando la voce diventa pulita e piu' riconoscibile].
Ore 23:15. Sonorita' sognanti ma incalzanti. Decisamente [ci mettiamo la firma] il gruppo migliore della serata, gli Aucan propongono un rock strumentale che non annoia ma regala atmosfere oniriche e che trasudagno sogni, grazie all'uso sapiente di synth. Le luci caduche della sera si sposano alla perfezione son le movenze grintose e abbaglianti di questi bresciani, che ipnotizzano i presenti dopo il gia' soddisfacente spettacolo dei Fine Before You Came. Ci sediamo [ma la voglia di alzarsi e muovere la testa e' forte, su queste composizioni cardiache e leggermente prog] e ci godiamo il concerto. Ne valeva assolutamente la pena.

Commenti (0)


ULTIMI COMMENTI

05/08: My BEST 10 ALBUMS
05/08: My BEST 10 ALBUMS
13/07: Ipse dixit
13/07: Cipolla
13/07: Ezio e le Scorie Lese
13/07: Cipolla
13/07: Cipolla
24/01: Cipolla
24/01: Cipolla
30/05: Ciambelle
30/05: Ciambelle
14/03: Ipse dixit
19/01: Steganografia Metallorum
03/01: Professioni
03/01: Professioni
27/11: PENDULUM
24/11: Professioni
19/07: Nevermore
19/07: Nevermore
30/12: Math

DOWNLOAD ZIP

Antro del Fato: 1, 2, 3, 4
Control Denied: 1, 2, 3, 4, 5, 6, 7, 8, 9, 10
Control Denied 2: 1, 2, 3
Imagine 7D: 1, 2, 3
Le sole 24 Ore: 1
Lupus: 1