Twitter
LinkedIn
Google+
YouTube
Facebook
Daniele Assereto
Daniele
Assereto


 
2 Marzo 2000
PENSIERO

Il viaggio non era stato faticoso. I paesaggi liguri erano poco a poco sfumati via, lasciandosi dietro il profumo del mare ed accogliendo nuovi sapori ed aromi. L'atmosfera intera era diversa, era come entrare in un regno fatato. Come tutti gli anni, il Gatto Fenriz si era diretto alla volta di Porziostone, il suo paese natale.
Lo aspettavano cinque giorni di pura tranquillità, immerso nella pace come rare volte lo era stato in passato. Pace, metal, e tanta tanta birra. Che cosa poteva chiedere di più?
Cinque giorni durante i quali il suo intelletto aveva lavorato meno che niente, aiutato dal torpore che l'alcool portava con se e non lasciava scampo. Cinque giorni di sano e massiccio metallo sparato a raffica nelle vene, come una cura per disintossicarsi dalla vita di tutti i giorni. E anche cinque giorni di allegre passeggiate in sterminati ed armoniosi prati verdi, brulicanti di spensierati cagnolini. Che cosa avrebbe potuto chiedere di più?
Non avrebbe mai dimenticato quel pomeriggio come tanti altri, quella chitarra in mano al Gatto Enzo, e cinque persone attorno ad un tavolo a cantare, improvvisando, seguendo semplicemente le linee melodiche, o più semplicemente andando a caso. Le emozioni che si erano sprigionate e che avevano unito cinque anime altrimenti differenti, come se fossero state un'entità sola. Un'entità unita dal metallo e dalla birra. E si era andati avanti a bere birra e suonare metallo e suonare birra e bere metallo, come se non esistesse la più piccola differenza e il mondo si stesse rovesciando. Nella sua semplicità, il Gatto Fenriz aveva capito che la felicità veniva da attimi di pace come quello.
E ancora quella sera, allegramente in otto attorno a quello stesso tavolo, le emozioni erano continuate. Aperitivo, spaghetti, birra, una dose massiccia di King Crimson, Motorpsycho, Alice Cooper, Black Sabbath, Jimi Hendrix, Joy Division, e ancora Uriah Heep, Monster Magnet, Doors, Atroci, Pat Boone, Virgin Steele, Faith No More, Dubliners e Guns 'n Roses, fino ad arrivare all'una di notte stanchi ma felici, stressati ma soddisfatti. Appagati. Decisamente ubriachi.
I cinque giorni erano scivolati via come sabbia spazzata dal vento, e quell'istante di fuga dalla realtà era finito. Il Gatto Fenriz sapeva che sarebbe accaduto, ma nondimeno era triste lo stesso. Ora gli restava il ricordo di quella compagnia, di quei momenti, di tutte quelle sensazioni che difficilmente si sarebbero potute ripetere. Ma non aveva solo un ricordo. Aveva anche una cassetta. E il prossimo demo dei Margaros sarebbe arrivato, da lì a poco.

Share/Save/Bookmark




Lascia un commento:
Nome:  Per favore, scrivi i caratteri 2, 4, 4 del codice MkNb
Email/web:  [facoltativo] Codice: 
Commento: 


ULTIMI COMMENTI

05/08: My BEST 10 ALBUMS
05/08: My BEST 10 ALBUMS
13/07: Ipse dixit
13/07: Cipolla
13/07: Ezio e le Scorie Lese
13/07: Cipolla
13/07: Cipolla
24/01: Cipolla
24/01: Cipolla
30/05: Ciambelle
30/05: Ciambelle
14/03: Ipse dixit
19/01: Steganografia Metallorum
03/01: Professioni
03/01: Professioni
27/11: PENDULUM
24/11: Professioni
19/07: Nevermore
19/07: Nevermore
30/12: Math

DOWNLOAD ZIP

Antro del Fato: 1, 2, 3, 4
Control Denied: 1, 2, 3, 4, 5, 6, 7, 8, 9, 10
Control Denied 2: 1, 2, 3
Imagine 7D: 1, 2, 3, 4
Le sole 24 Ore: 1
Lupus: 1