Twitter
LinkedIn
Google+
YouTube
Facebook
Daniele Assereto
Daniele
Assereto


 
12 Febbraio 2000
MY DYING BRIDE + THE GATHERING - RAINBOW (MILANO)

La serata non iniziava nel migliore dei modi. Il Gatto Fenriz aveva saputo solo alla fine che gli OPETH non avrebbero suonato quella sera, e ne era veramente dispiaciuto. Un po' perché il loro ultimo lavoro era veramente eccelso e un po' perché li aveva sempre seguiti con particolare interesse, fatto sta che quando erano venuti a mancare aveva pianto lacrime amare. Ma non intendeva rovinarsi il concerto per un motivo così banale.
Il primo gruppo a calcare il palco erano quindi stati i THE GATHERING, capitanati dalla bella e brava vocalist Anneke Van Giersbergen. Le danze si erano aperte con le note di "liberty bell" tratte dal loro ultimo album, e subito erano diventate palesi le caratteristiche di questo gruppo olandese.
Anneke aveva veramente il dono di stregare la folla sottostante, con i suoi movimenti suadenti (anche se a volte sembrava che andasse a caccia di Farfalle in mezzo ad enormi Prati Verdi...) e la sua incredibile voce. Era proprio questo il punto di forza del gruppo: le canzoni non perdevano niente rispetto alla versione in studio anzi, rendevano forse ancora più giustizia al successo del gruppo...
L'unica pecca erano certi problemi all'impianto audio, che facevano fischiare il microfono in determinate canzoni causando una più che evidente ira di Anneke nei confronti dei tecnici del suono... problemi che sarebbero rimasti un po' per tutta la serata...
Era così trascorsa più di un'ora tra le note di "strange machines" ed "eleanor" prese dal primo album con la cantante, passando per "on most surfaces" e "nighttime birds" fino ad approdare all'ultimo disco di cui era stata presentata anche la canzone più lunga (ben 27 minuti!!!) "how to measure a planet?" senza scordare ovviamente la strana e distorta "probably built in the fifties". Un'esperienza più che positiva per un gruppo che oramai non doveva dimostrare più nulla.
Lo stage dei Gathering non era ancora terminato quando il Gatto Fenriz si era diretto verso il bar del Rainbow per rinfrescarsi la gola e aveva così scoperto, con suo grande stupore e inenarrabile gioia, che i MY DYING BRIDE si stavano dissetando al banco in mezzo alla folla. Scambiate due parole con Aaron (facendo anche due fusa, ma si sa, i Gatti un po' ruffiani lo sono...) era tornato verso il concerto in atto e aveva aspettato con ansia l'inizio del gruppo inglese.
E dopo solo una mezz'ora di pausa, ecco finalmente salire sul palco i My Dying Bride, nella loro attuale formazione di ben 6 musicisti. Oltre alla voce, le due chitarre, il basso e la batteria, faceva infatti parte del gruppo una tastierista che aveva preso l'ingrato compito di colmare il vuoto creatosi con la mancanza del violinista.
L'inizio era stato scandito dalle note di "she is the dark", canzone apripista anche dell'ultimo album e, ragazzi, quella si che era potenza. Il suono dei MDB era veramente cupo (colpa dell'acustica del luogo?) ma allo stesso tempo sprizzava potenza e cattiveria allo stato brado, coinvolgendo anche i presenti venuti solo per il concerto dei Gathering.
Non erano mancate ovviamente canzoni vecchie, come ad esempio "cry of mankind" e la stupenda "a kiss to remember", ed erano solo state dimostrazioni di classe e virtù.
Mancava il violino, era vero, ma l'istrionismo di Aaron che si contorceva, soffriva e gemeva sul palco riempivano anche quei minuscoli buchi che si sarebbero potuti venire a creare.
Un'ora circa di canzoni, decisamente troppo poco per questa grande band. La serata era finita verso le 22.30 quando, in attesa di salire sul tour-bus per tornarsene a casa, i My Dying Bride si erano soffermati tra i fans vogliosi di autografi, foto, strette di mano e anche solo frasi di compiacimento. Umili e sinceri, i MDB non avevano cercato di evitare tutti coloro che venivano verso di loro, dimostrando ancora una volta, se ce ne fosse bisogno, chi erano stati i veri leader della serata.

[Commento lasciato da spappy il 28 Febbraio 2004]
porca miseria..nei miei mille ricordi questo concerto era sabbato 12...ok..che ero un po' strana... e stravolta...ma pensavo di avere ancora un poco di lucidita'...sei sicuro di questa data?

[Commento lasciato da Pazuzu il 9 Marzo 2004]
Assolutamente no, non ne ero sicuro... e quindi l'ho subito corretto!
Grassie per la segnalazione... ehi, ma questo vuol dire che qualcuno me li legge, tutti i deliri!

[Commento lasciato da Andrea il 3 Aprile 2004]
Scopa, per far sembrare belli i tuoi siti bisognerebbe cancellare l'intera rete Internet...

Share/Save/Bookmark




Lascia un commento:
Nome:  Per favore, scrivi i caratteri 2, 2, 1 del codice FwCp
Email/web:  [facoltativo] Codice: 
Commento: 


ULTIMI COMMENTI

05/08: My BEST 10 ALBUMS
05/08: My BEST 10 ALBUMS
13/07: Ipse dixit
13/07: Cipolla
13/07: Ezio e le Scorie Lese
13/07: Cipolla
13/07: Cipolla
24/01: Cipolla
24/01: Cipolla
30/05: Ciambelle
30/05: Ciambelle
14/03: Ipse dixit
19/01: Steganografia Metallorum
03/01: Professioni
03/01: Professioni
27/11: PENDULUM
24/11: Professioni
19/07: Nevermore
19/07: Nevermore
30/12: Math

DOWNLOAD ZIP

Antro del Fato: 1, 2, 3, 4
Control Denied: 1, 2, 3, 4, 5, 6, 7, 8, 9, 10
Control Denied 2: 1, 2, 3
Imagine 7D: 1, 2, 3, 4
Le sole 24 Ore: 1
Lupus: 1