Twitter
LinkedIn
Google+
YouTube
Facebook
Daniele Assereto
Daniele
Assereto


 
Aprile 2006

30 aprile 2006
STRIP 135

649

...è tutto vero! Giuro!

Commenti (3)



30 aprile 2006
CHILLOUT

Chillout
E cosa significa? Tante cose, e anche nessuna contemporaneamente. Rappresenta la ricerca dell’io interiore, e la volontà di riuscire a raccogliere dentro di sé tutta l’essenza di un solo istante di raccoglimento. È come cercare di racchiudere un soffio di vento all’interno di una gabbia di piume, trenta metri sotto il livello del mare. È come cercare di tradurre dei segni vergati su di un foglio ingiallito da una mano malata a cui sono state private le cure tanto tempo fa.
È una parola che racchiude tutti i voli pindarici che un sogno non sarà mai in grado di affrontare, e per cui è destinato a perire tra atroci meraviglie. È una parola che costringerebbe il diavolo a scendere a patti con l’amore stesso, sorridendo mentre gli occhi gli si riempirebbero di lacrime e di rimpianti perduti. Chillout. È un suono tra i suoni, è una parola tra le parole, è un senso tra i sensi. Leggera. Pesante. Pensante. Chillout.
Due occhi profondi. Blu. Incuriositi ed impauriti. Innocenti e provocanti. Sinceri. Chillout. Due occhi che rappresentano tutte le lacrime che ho versato e quelle che ancora mi tengo dentro, due occhi che parlano di verità nascoste e di segreti evidenti, di rancori dimenticati e amori scomparsi. Di volontà disperse. Di parole mai pronunciate. Di pensieri espressi in codice per non sconvolgere i neuroni stessi.
È questo il significato primitivo, il valore primevo, il colore di tutti i colori che circondano questa parola gialla come gli occhi di un camaleonte in pausa pranzo. Servitevi pure di tutte le apparenze che lascio dietro di me, perché non sarà con le mie briciole che sfamerete la vostra fame di conoscenza di me. Non sarà con le quattro parole che lascio sulla strada, che conoscerete tutto quello che credo debba essere la vita futura e quella anteriore, così come quella interiore.
Chi ci sorride quando non ci conosce lo fa per cortesia? Non per dispiacere, certo, o per non dispiacere. L’ordine è importante, così come lo sono le sensazioni e la certezza che niente sarà mai più come prima dopo una serata passata a riflettere e ridere su me stesso, capendo finalmente tutta la paura che trasmetto al mio cuore quando scopro che mi viene negata una certezza su cui avevo messo tutto il mio spirito, tutto il mio impegno, tutto il mio volere. Sono il capitano di questa nave che si chiama Niente, ed il cui colore non è altro che il significato più profondo di un attimo di serenità nel bieco mare dei gironi infernali. Quasi fossero unici. Quasi fossero magici. Quasi fossero chillout.
Chillout.
Chillout.
Niente altro più.

Commenti (0)



29 aprile 2006
STRIP 134

648

E' una dura lotta...

Commenti (3)



28 aprile 2006
STRIP 133

647

Come scrivere una favola in tre SMS. Troppo chillout. Buonanotte.

Commenti (1)



27 aprile 2006
AZZARDO

Potrei scommettere con un sorso di sale che riuscirei a mettere più sete di un intero oceano, se solo spegnessi le apparenze che mi appannano gli organi interni.
Potrei scommettere con un soffio di morte che niente è più letale di un pensiero soppresso nell’inconscio volubile di un sogno represso nel tempo.
Potrei scommettere con un solo segno nel bianco del cielo che tutto quello a cui un cerbiatto può aspirare è un contorno degno della sua più tenera carne.
Potrei scommettere su quello che voglio, con ognuno di voi.
Perderei.

Commenti (0)



27 aprile 2006
STRIP 132

646

Ah, il colore rosa che continua a prevalere...

Commenti (3)



26 aprile 2006
STRIP 131

645

Altra new entry! Finalmente femminile! :-)

Commenti (0)



25 aprile 2006
STRIP 130

644

Rido da solo come un cretino...

Commenti (2)



24 aprile 2006
NOVEMBER GUNS

Arrivo al Logo Loco che ancora si diffondono nell’aria i suoni delle prove. Sedie che vengono spostate, chitarre che ronzano e stridono e fischiano, ragazze che già ballano e ululano ai lati del palco. L’atmosfera è stranamente calda, mentre si diffondono tutto intorno note ancora distorte ed in via di sviluppo. Lentamente, mentre un fischio vellutato inizia a salire e satura tutta l’aria, ecco che i rumori iniziano a svanire ed i suoni a prendere forma, ad amalgamarsi insieme. In armonia. Come se fossero un’entità unica.
Riesco ad infilarmi nel retro del palco e scambio quattro parole in tranquillità con Marco e Pier, rispettivamente batterista e chitarrista dei November Guns. “Questo è il nostro secondo concerto, dopo l’esordio al NotaBene Live di Rapallo. Ci aspettiamo una marea di gente, abbiamo sparso la voce un po’ ovunque.” Ok, ma da dove viene la scelta di proporre un gruppo cover dei Guns ‘n’ Roses? “Siamo cresciuti con i Guns, e come noi tanti altri. In più, aggiungi che i locali richiedono gruppi che attirino gente. La scelta diventa semplice.” Ma se uno volesse proporre musica propria? So che tutti voi avete altri gruppi, altri progetti, altre idee. Perché esistono così tanti gruppi cover, in questo periodo? “Perché la gente vuole questo. La situazione musicale è un po’ stantia ultimamente, e anche a Genova non si respira una bella aria. C’è troppa rivalità tra i gruppi, poca collaborazione. Tutti si lamentano delle poche proposte e poi i musicisti sono i primi che non muovono il culo per andare ai concerti altrui.” Lascio quindi che i quattro si preparino, e torno fuori. La gente comincia ad arrivare, e continuerà ad aumentare fino allo scoccare della mezzanotte, a danze già iniziate.
Sono le undici circa, infatti, quando i November Guns salgono sul palco. Simone alla voce e Fabrizio al basso sono la perfetta seconda metà del gruppo. Una voce calda, acuta e graffiante che non può non ricordare a tratti direttamente Axl Rose, ed un basso preciso e pulsante al punto giusto. Inizia il concerto, e si susseguono i cavalli di battaglia, degnamente interpretati. Mi commuovo come un bambino sull’assolo di chitarra di “november rain”, grido di gioia sull’incedere maestoso di “paradise city”, rifletto su me stesso e sulla mia esistenza sulle note intime di “patience”. Ogni tanto una cassa dell’impianto perde lucidità, ma la gente continua a cantare ed invocare quelle canzoni che tanto conoscono a memoria, e che li hanno accompagnati in chissà quali esperienze della vita.
Un concerto grintoso, una dimostrazione che per essere solo alla seconda apparizione dal vivo, il gruppo è già affiatato e pronto ad esibirsi in tutti i locali di Genova. D’altra parte, il palco del Logo Loco non è affatto piccolo, e riuscire a dominarlo come hanno saputo farlo i November Guns non è roba da poco. Al termine della serata ho le orecchie che fischiano come se fossero uno strumento durante un sound-check, e riesco a resistere ancora ben poco sulle dolci sonorità delle canzoni che vengono irradiate dal dj prima di allontanarmi da Sampierdarena felice, ed ebbro di tutte quelle note che mi hanno cullato per quasi due ore di concerto. Ne è valsa la pena, mi urla una vocina dall’interno per riuscire a farsi sentire in mezzo a tutti i fischi delle orecchie.
Il 24 aprile ho visto l’anima rock risvegliarsi a Genova, ed è stato un piacere. Un vero piacere. Rock ‘n’ roll!

Commenti (1)



24 aprile 2006
STRIP 129

643

La fine di Webcomics senza titolo?

Commenti (2)



23 aprile 2006
PIETRE

Sporche, lacere e grezze. Come tante parvenze di realtà appena svegliatesi dal torpore di un secolo di storia lasciva, siamo ancora qui. Sporche, lacere e grezze. Come se fossimo ricordi di un avaro in punto di morte, siamo state abbandonate nel nostro letto di malattia, e siamo state dimenticate. Sepolte nella sabbia, dove bambini ignari raschiano il fondo delle loro conoscenze con la plastica delle loro esperienze. Sepolte nella sabbia, come mausolei abbandonati nel vento di una collina al centro del mondo ma trasparente agli sguardi della vita. Sepolte nella sabbia, a ingrigire sotto gli occhi dei gabbiani che indolenti alle tempeste continuano la loro folle corsa contro le nuvole.
Una volta non eravamo così. Una volta eravamo come boccioli di primavera sotto il placido tocco di cotone di un naufrago assetato. Eravamo riverite da tutti, e nel centro esatto di quel pendolo fatato che è la tolleranza terrena. Eravamo lustre, bianche e linde, una volta. Poi è calato l’inverno. È calato come cala il sole, e le ombre della rovina si sono portate via tutte le certezze che ci avevano avvolto e cullato fino a quel giorno, fino a quel momento, fino a quel respiro. E da allora, siamo rimaste qui. Sporche, lacere e grezze. Sole.
Ora siamo dipinte dai poeti come se fossimo reliquie sopravvissute alle incurie del tempo, ma la folle verità è che siamo soltanto appassite nell’indifferente agonia di tutti, e nulla più. Non saranno parole di pietà a farci sentire migliori, a farci sentire differenti, a farci sentire ancora amate. Non saranno parole dettate dall’orgoglio a farci provare ancora quella gioia che abbiamo ucciso molti anni fa, quando siamo cresciute, quando siamo state dimenticate. Ora siamo così. Accettateci per come siamo. Lasciateci state. Lasciateci amare.

Voci attorno che bisbigliano numeri. Applausi di quella gioia che circonda avidamente un pensiero dannato dalle convinzioni terrene. Risa nude come l’anima di una triste medusa nell’oceano dell’espressione. Luci e parole che significano finta concentrazione per divertirsi con le parole di una ragazza intrappolata dalle abitudini appiattite dal sole. Grani di piombo che pesano sullo spirito come sorrisi di finti valori, corsi via nel colpo di coda di un’onda chiassosa. Basta.

Per fortuna la giornata è finita.

Commenti (0)



23 aprile 2006
STRIP 128

642

L'autocritica non basta mai...

Commenti (0)



22 aprile 2006
STRIP 127

641

Questa è fantascienza...

Commenti (0)



21 aprile 2006
STRIP 126

640

Il tunnel peggiora...

Commenti (0)



20 aprile 2006
STRIP 125

639

Due piccole citazioni cinematografiche...
...anche se non sono due "capolavori"!

Commenti (1)



19 aprile 2006
STRIP 124

638

Datemi due note per un'emozione perduta,
datemi due note per una lacrima dimenticata,
datemi due note per un sorriso abbandonato.
Sono sei note in tutto, non chiedo tanto,
non è nemmeno una scala, maledetti pezzenti.
Datemi un'ultima nota ancora
e coricatevi, col pensiero di domani.

Commenti (0)



18 aprile 2006
STRIP 123

637

Riprendiamo un discorso accennato prima di Pasqua...

Commenti (0)



17 aprile 2006
STRIP 122

636

Fine della seconda trilogia sui "Conigli Rosa"...

Commenti (0)



16 aprile 2006
STRIP 121

635

Buona Pasqua a tutti quelli che ci vogliono credere...

Commenti (0)



15 aprile 2006
STRIP 120

634

...il ritorno dei Conigli Rosa?

Commenti (0)



14 aprile 2006
STRIP 119

633

Ma anche prima...

Commenti (0)



13 aprile 2006
STRIP 118

632

Questa striscia è nata a quattro mani, alle Piramidi, dopo una luuunga giornata di lavoro...

Commenti (0)



12 aprile 2006
STRIP 117

631

...a me il potere di greyskull!

Commenti (3)



11 aprile 2006
STRIP 116

630

L'autoconvinzione è la più tremenda delle paranoie...

Commenti (0)



10 aprile 2006
STRIP 115

629

Cronaca di una serata qualunque alle Piramidi...
P.S. L'immagine è presa da una pubblicità della Gambrinus!

Commenti (0)



9 aprile 2006
STRIP 114

628

Volevo essere gli U2...

Commenti (0)



8 aprile 2006
STRIP 113

627

Ok, lo so... sono in "vena proverbi"...

Commenti (2)



7 aprile 2006
STRIP 112

626

Questa frase mi è martellata in testa tutto il giorno... devo ancora capire da dove arrivasse!

Commenti (0)



6 aprile 2006
STRIP 111

625

Fine della (prima?) trilogia su questi teneri animaletti...

Commenti (0)



5 aprile 2006
STRIP 110

624

Seconda parte della (forse) prima trilogia sui Conigli Rosa...

Commenti (0)



4 aprile 2006
TANGO

Ho suonato il tango per una foglia morta,
annerita al suolo, cosparsa di terra,
lacerata in tutto il suo essere
e senza un futuro in cui sorridere.
Ho suonato il tango per una foglia morta
sperando invano di risvegliare il suo spirito
quando invece non c’era più possibilità
di svegliarla dal suo sonno stagionale.
Ho suonato il tango per una foglia morta
e mi sono accorto con sommo stupore
di essere sdraiato sulla terra fredda
al suo fianco, senza respiro.
Ho suonato il tango per una foglia morta,
annerita al suolo, cosparsa di terra,
lacerata in tutto il suo sorridere
e senza un futuro in cui essere.
Ho suonato il tango per una foglia morta
e rincorso quella luce in fondo al tunnel
sperano nascondesse i semi della vita
che ci è stata rubata nel sonno.
Ho suonato il tango per una foglia morta
abbracciando i pensieri di quel dio albero
che germoglia in tutti noi
e mette radici dove il sole tramonta.
Ho suonato il tango per una foglia morta
e ho visto la mia morte, e con lei la vita
e ho visto quella foglia risorta
col divenire di una nuova sera.
Ho suonato il tango per una foglia risorta
accorgendomi per la prima volta
in tutta la mia misera e corta vita
di essere già appassito nel tempo
senza nemmeno essermi goduto le stagioni
che colorano di verde la linfa dorata
di una creatura il cui certo destino
è annerire al suolo, cosparsa di terra.
Ho suonato il tango per una foglia morta:
ero io, e attorno a me cadevano serene
lembi verdi di una pianta sorridente
che benevola mi sussurrava amore.

Commenti (5)



4 aprile 2006
STRIP 109

623

...l'arrivo dei conigli rosa!

Commenti (2)



3 aprile 2006
STRIP 108

622

Una vecchia battuta ripescata dal cilindro delle cazzate...

Commenti (0)



2 aprile 2006
STRIP 107

621

Ne sono più che convinto...

Commenti (0)



1 aprile 2006
STRIP 106

620

Buon Primo Aprile a tutti!

Commenti (0)


ULTIMI COMMENTI

05/08: My BEST 10 ALBUMS
05/08: My BEST 10 ALBUMS
13/07: Ipse dixit
13/07: Cipolla
13/07: Ezio e le Scorie Lese
13/07: Cipolla
13/07: Cipolla
24/01: Cipolla
24/01: Cipolla
30/05: Ciambelle
30/05: Ciambelle
14/03: Ipse dixit
19/01: Steganografia Metallorum
03/01: Professioni
03/01: Professioni
27/11: PENDULUM
24/11: Professioni
19/07: Nevermore
19/07: Nevermore
30/12: Math

DOWNLOAD ZIP

Antro del Fato: 1, 2, 3, 4
Control Denied: 1, 2, 3, 4, 5, 6, 7, 8, 9, 10
Control Denied 2: 1, 2, 3
Imagine 7D: 1, 2, 3
Le sole 24 Ore: 1
Lupus: 1