Twitter
LinkedIn
Google+
YouTube
Facebook
Daniele Assereto
Daniele
Assereto


 
9 Luglio 2004
THE CORRS

Capitale europea della cultura 2004. Acquario. Galeone. Capodoglio.
Genova è sempre stata una città di mare. Il suo porto ha sempre ospitato navi provenienti da tutte le parti del mondo. Una società praticamente multi-etnica, stretta sul mare dai suoi monti e dai forti che la circondano. Immaginatevi i fiordi norvegesi. Immaginatevi il meccano. Immaginatevi i lego. Genova sta ai fiordi norvegesi come il lego sta al meccano. Pacifico.
Immaginatevi ora una barca di pescatori che, alla fine di una giornata, si imbarca nel mar ligure per andare a pesca. Non un pescatore solitario, in stile "il vecchio e il mare", bensì un pescatore che si fa aiutare da altri pescatori. Raccolgono le loro reti, e si imbarcano alla volta del mare aperto. In mezzo al mare, sono solo loro e centinaia di pesci. Iniziano a muoversi, a seguire le loro movenze tipiche di pescatori, che sono affascinanti per un qualunque spettatore. I pesci stessi, ne rimangono ammaliati. Iniziano a seguire con occhi stupiti quei movimenti, a seguirli, a sentirsi un tutt'uno con loro. Mentre i pescatori preparano le reti per pescare i pesci, sono i pesci stessi a disporsi tutto intorno a quella barca fino a formare una specie di rete, a maglie fittissime, per seguire quei movimenti tanto, troppo affascinanti. Chi è, a questo punto, a pescare l'altro? Dove risiede la rete principale? Con i pescatori, o tutto attorno a loro? Impossibile dirlo. Pacifico.
Provate adesso a pensare che quei pescatori siano un gruppo musicale, giunto a Genova in occasione del 2004. Capitale europea della cultura. I pesci sono le persone che li seguono e osservano ogni movimento e spostamento del gruppo. Provate adesso a pensare a due ore di musica, otto musicisti sul palco, il mare in lontananza a fare da sfondo, una tenso-struttura sopra la testa, canzoni immediate e un innato talento di musicisti. Provate adesso a pensare ad un gruppo irlandese, chiamato Corrs, che vengono a Genova. Provateci. E otterrete quella rete di emozioni che possono avvolgere e catturare fino a non lasciare più scampo, fino a legarti per sempre a quelle canzoni che non ha nemmeno senso ricordare una per una, tanto erano stupende nella loro semplicità e coinvolgenza. Andrea alla voce e flauto. Sharon al violino e cori. Caroline alla batteria, pianoforte e cori. Jim alla chitarra, pianoforte e cori. Altri quattro ottimi musicisti. Un concerto che ha rischiato fino alla fine di saltare, visto che Caroline sta aspettando un bambino. Questo, per fortuna, non le ha certo impedito di suonare il bodhran o un tamburone grosso quanto una vecchia fiat cinquecento. Stupendo. E pacifico.
Tornate quindi infine a pensare a quei pescatori, naviganti lungo i loro fiordi pseudo-norvegesi. Trasportateli come d'incanto nella vostra mente, nella vostra stanza, nel vostro acquario privato. Scoprirete magicamente che voi siete sempre stati dei pesci, ma allo stesso tempo dei pescatori. Siete riusciti a pescare nella vostra rete proprio quei pesci che erano pescatori a loro volta. Li avete catturati con il vostro interesse. Le vostre passioni. Le vostre reti. Sono ora alla vostra mercé. Da Caroline a Jim, da Sharon fino ad Andrea, il capodoglio più affascinante che si sia mai visto solcare i mari e i palchi di Genova.

Share/Save/Bookmark




Lascia un commento:
Nome:  Per favore, scrivi i caratteri 1, 4, 2 del codice tmHm
Email/web:  [facoltativo] Codice: 
Commento: 


ULTIMI COMMENTI

05/08: My BEST 10 ALBUMS
05/08: My BEST 10 ALBUMS
13/07: Ipse dixit
13/07: Cipolla
13/07: Ezio e le Scorie Lese
13/07: Cipolla
13/07: Cipolla
24/01: Cipolla
24/01: Cipolla
30/05: Ciambelle
30/05: Ciambelle
14/03: Ipse dixit
19/01: Steganografia Metallorum
03/01: Professioni
03/01: Professioni
27/11: PENDULUM
24/11: Professioni
19/07: Nevermore
19/07: Nevermore
30/12: Math

DOWNLOAD ZIP

Antro del Fato: 1, 2, 3, 4
Control Denied: 1, 2, 3, 4, 5, 6, 7, 8, 9, 10
Control Denied 2: 1, 2, 3
Imagine 7D: 1, 2, 3, 4
Le sole 24 Ore: 1
Lupus: 1